ASSO VELA
 
RSS Feed
 
19/11/2020 VECCHIE VELE: ORMEGGI

VECCHIE VELE: ORMEGGI

In generale l'avvicinamento alla banchina dei velieri avveniva tramite rimorchio da parte di lance .. nell'accostamento laterale gli ultimi metri venivano percorsi in parte grazie all'abbrivio della nave che veniva arrestata successivamente dalle cime d'ormeggio lanciate da terra (o portate a bordo dalle lance) e date volta alle bitte d'ormeggio. Nell'accostamento di prua/poppa si poteva mettere in forza il cabestano maggiore dopo che le lance di rimorchio si erano defilate dopo aver portato il veliero a poche decine di metri dalla banchina, agendo sempre sulle cime d'ormeggio.
Ovviamente previa esposizione di robusti parabordi..
Peraltro tieni presente che l'ormeggio in banchina riguardava essenzialmente le navi mercantili (pi piccole, leggere e maneggevoli delle navi da guerra) mentre le navi militari si limitavano a dar fondo in rada ed imbarcavano/sbarcavano tramite lance, chiatte e bettoline.
La manovra d'ormeggio in banchina di un veliero di media grandezza (senza motore n rimorchiatori a motore), dal momento in cui le vele vengono imbrogliate e la nave pressoch ferma, richiede almeno 4-6 lance da rimorchio (circa 4 di rimorchio e due d'arresto, ognuna con non meno di una dozzina di rematori) ed un tempo di manovra normalmente non inferiore a due tre ore.
La stessa manovra (al contrario) era necessaria per disormeggiare e prendere il largo.
(Il vecchio del mare)



Altre News
19/11/2020 GIANCARLO PEDOTE AL VENDE GLOBE: VICINO ALL'EQUATORE
19/11/2020 EVELINA CHRISTILLIN A CAPO DI GENOVA THE GRAND FINALE
19/11/2020 VECCHIE VELE: ORMEGGI
19/11/2020 VENDEE GLOBE: ALEX THOMSON PASSA LEQUATORE
 
  Copyright © 2005/2020 ASSO VELA | E-mail: info@assovela.it